Post in evidenza

Cia presenta il libro “Italia contadina”

Roerich il Paladino della Bellezza


“Solo il ponte della bellezza sarà abbastanza forte da permettere il passaggio dalla riva dell’oscurità a quella della luce”

L’Artista che sia degno di questo nome nel suo significato più profondo, vede con l’occhio della mente l’era la cui fioritura è imminente, vede in cosa consiste il prossimo passo nel cammino evolutivo e descrive quella visione nuova, la rende manifesta, rigenera la cultura e la conoscenza, diffonde coscienza e rende salda, grazie alla forza del suo conseguimento, la mano che costruirà la nuova civiltà, la quale, fondata su quella coscienza, sarà l’incarnazione di quella visione.

Questo naturalmente è un compito che non si riduce all’ambito delle arti liberali ma, essendo la costruzione della vita come Armonia e Bellezza, la meta consapevole, o meno, di ogni essere umano, è appannaggio di tutti coloro i quali nella loro vita quotidiana contribuiscono a creare giusti e retti rapporti umani, cominciando a costruire l’Armonia dentro se stessi, facendo della propria vita un “Opera d’Arte”.

Nicholas Roerich (San Pietroburgo, Russia, 1874 – Kullu, India, 1947), pittore, poeta, archeologo, antropologo, diplomatico, scenografo e costumista russo scrisse queste parole e le incarnò completamente, assieme alla sua amatissima “moglie, amica, compagna di viaggio ed ispiratrice”, nella vita. Visse a cavallo fra il XIX e il XX secolo, in un momento di grande trasformazione dell’umanità su vari livelli, da quello sociale, industriale, scientifico, a quello coscienziale. (continua la lettura)
0