Post in evidenza

Foto Grand Tour - Borrello


Borrello è un comune di 394 abitanti della provincia di Chieti in Abruzzo. Fa anche parte della  Comunità Montana Medio Sangro.
Visitare Borrello e il suo territorio significa bearsi del bello e di un paese ben disegnato, significa godere della natura incontaminata, arricchendo il proprio spirito.

Borrello (CH) sorge su un altopiano ad oltre 800 metri sul livello del mare ai confini del Molise.
E' circondato da colline in parte sormontate da pale eoliche.
Per la sua posizione può essere paragonato ad un promontorio che si incunea nella valle dell'impetuoso fiume Sangro.
Borrello è storicamente ricordato come "Civitas Burrelli" sorta a sua volta, intorno all'anno Mille, su una località in cui erano ancora presenti resti di un più antico luogo abitato.

Sul suo territorio ai confini dell'antico Sannio Pentro, dirimpetto al Sannio dei Caraceni (o meglio "Carracini") passarono gli Ostrogoti ed i Goti e più tardi i Longobardi scesi in Italia dalla Pannonia nel 568 d.C.

Fece parte della Longobardia Minor del Ducato di Benevento al nord del quale si insediò la potente famiglia dei Borrello fondatori, appunto, del paese, dei quali fu feudo, come ci informa Benedetto Croce. 
Comunque il filosofo abruzzese afferma di aver ritrovato un documento dell'anno 1000 che lascerebbe ipotizzare una qualche signoria di questa famiglia già sul finire del X secolo. 
Croce asserisce che la famiglia discende da qualche esponente della famiglia Borel di origine francese.

Agli inizi del '900 molti abitanti del paese emigrarono in America ed  in Europa settentrionale. 
Dopo il bombardamento della II guerra mondiale il paese fu interamente ricostruito, nonostante l'emigrazione perdurasse fino agli anni ‘60.



Se ti interessa vedere e/o acquistare le mie opere d'arte fotografica vai all'intera galleria online cliccando sul sottostante logo (ma prima vai a vedere sulla pagina "Art Shop") gli oggetti e i materiali sui quali possono essere stampati)

http://www.redbubble.com/people/giuseppecocco/portfolio/borrello



Comincio la mia visita che durerà un paio di giorni, discendendo per la strada fiancheggiata da una spalliera di case basse, incontrando poca umanità.

Il paese è lindo ed anche le sue strade, silenziose e deserte; solo un cane steso all'ombra degli alberi si gode la frescura come un uomo seduto sull'uscio di casa.

La mattina un fruttivendolo col suo furgone, in fondo alla strada d'ingresso al paese, offre frutta e verdura a chilometro zero.

Mi aggiro per il piccolo centro storico che mi porta velocemente alle emergenze storiche: 
il palazzo baronale, oggi sede del municipio, con struttura quadrata e base a scarpa che si eleva dal punto più alto del paese; ospita il museo della civiltà contadina.

Accanto al palazzo dei baroni si nota la torre dell’orologio con alla sommità una struttura piramidale in ferro battuto che sorregge la campana dei rintocchi dell’orologio. 
In epoca medioevale la torre era più bassa e consentiva l’appoggio del ponte levatoio, che per motivi di sicurezza costituiva l’unico accesso ai piani alti del palazzo; un lungo tratto della catena che collegava il ponte al suo argano è conservata nel museo.

La chiesa di S. Antonio da Padova fu realizzata nel ’500 su un preesistente edificio religioso, inglobando la possente torre civica innalzata precedentemente nella seconda metà del ‘400; oggi si presenta completamente restaurata, con stucchi e affreschi sulle volte delle due navate insieme ad alcune tele del ‘700. 

La Chiesa madre o chiesa di S. Egidio Abate, patrono di Borrello, fu innalzata in età medioevale sul ciglio del costone che delimita a nord il paese; a navata unica in stile rurale sita in via Marsica, nel centro storico del paese.
S. Egidio era caduta in completo abbandono ed è stata restaurata, con qualche piccola variante rispetto alla costruzione originaria, e riaperta al culto solo recentemente; l’interno non presenta particolari decorazioni, ma l'edificio è ben difeso e posto su uno sperone inaccessibile se non dal lato del paese; la piazza antistante la chiesa, da poco ristrutturata a gradoni semicircolari, offre una balconata che si affaccia sulla valle fluviale sottostante.
La spianata ha un balcone con balaustra, dal quale si gode una vista entusiasmante sui monti circostanti e, più a valle, Baronessa, l'unica frazione di questo comune, a nord est del capoluogo comunale stesso. 
Nei pressi scorrono la ferrovia Sangritana e la Strada statale 154 della Valle del Sangro.

Palazzo Marranzano, è sito in via Marsica, vicino alla chiesa di Sant'Egidio. 
È stato ristrutturato nell'800 su fabbriche preesistenti che lasciano supporre che il palazzo sia antecedente. 
L'edificio consta di 3 piani: al 1º piano, sul lato sinistro vi è una finestra incorniciata da pietra calcarea levigata. 
Il portale d'ingresso, sito sul lato destro è costituito da stipiti e architrave in pietra. 
Il concio in chiave ha uno stemma nobile raffigurante 3 spighe di grano tenute insieme da un nastro ed incorniciate da foglie. 
Al 3º piano vi sono 2 balconi con le finestre ad apertura in pietra, con sopra un timpano triangolare. 
Il cornicione è costituito da modanature classiche. 
Il portale che porta in giardino anticamente era un secondo ingresso, e gli stipiti di questa porta poggiano su paraste doriche a sezione triangolare su cui poggia un archivolto su cui vi è un bassorilievo raffigurante un cartiglio con motivi e volute. 
Sopra, come ornamento, vi è una conchiglia che potrebbe essere antecedente alla costruzione del palazzo o essere un frammento di un altro edificio del 6-700. Attualmente è proprietà privata.

La porta dei Saraceni è una particolare formazione rocciosa costituita da un arco posto al di sopra di uno stretto passaggio scavato in profondità, deriva il suo nome dal fatto che nell’alto medioevo i ripari di roccia del luogo consentivano di sorvegliare dall’alto i movimenti delle bande di saraceni che dall’Adriatico risalivano il corso del Sangro verso l’interno saccheggiando i centri sparsi lungo la valle.

Tutto il circondario è ricco di sorgenti spesso incanalate in fontane, ma la più caratteristica è senz’altro la fonte vecchia, denominata in dialetto locale Fonte a Ball' (in italiano, Fonte a Valle) ad indicare la sua posizione rispetto al centro storico più elevato; è costituita da tre getti di acqua che alimentano un abbeveratoio per il bestiame e da un lungo lavatoio costituito da blocchi di pietra scanalata.

Dopo aver visitato il paese, mi spingo nella campagna d’intorno tra campi gialli e balle di fieno, per godere i paesaggi che si aprono alla vista.
Due le passeggiate consigliate: alle Cascate del Rio Verde, le cascate naturali più alte d’Italia, raggiungibili a piedi dal borgo, e al lago di Bomba



Questo libro appartiene al progetto dei "Grand architetTour FotoViaggi nell'Italia delle Architetture e dei Paesaggi Culturali" col quale documento e mostro la stratificazione di architetture passate e presenti, paesaggi urbani ed antropizzati, su territori vissuti e trasformati. 
Territori e luoghi italiani, sconosciuti e spesso dimenticati.
Borrello è un comune in provincia di Chieti, paese in splendida posizione panoramica.
sorge su un altopiano ad oltre 800 metri sul livello del mare ai confini del Molise.
Per la sua posizione può essere paragonato ad un promontorio che si incunea nella valle dell'impetuoso fiume Sangro.
Un racconto che si compone di 17 pagine di diario e informazioni, più 86 di fotografie in bianco e nero, ordinate secondo la sequenza di ripresa.

Pubblicato: 23 agosto 2019
Pagine: 86
Rilegatura: Copertina morbida con rilegatura termica
Dimensioni: larghezza 21,59 cm x altezza 21,59 cm
Peso: 0,39 kg
Inchiostro Contenuto: Stampa in quadricromia
Lingua: Italiano
ISBN: 9780244812515

Prezzo: € 32.96 (IVA esclusa)


Support independent publishing: Buy this book on Lulu.

ARTIGIANATO ED AGROALIMENTARI

Le attività artigianali si dedicano principalmente alla produzione agroalimentare; accanto alla tradizionale lavorazione di carni suine e del caciocavallo, si sono affermate la produzione del miele, la produzione di saponi con essenze naturali lavorati a freddo e la raccolta e lavorazione di funghi e tartufi.


Il grano duro è alla base del piatto tradizionale, le sagne a pezze, ottenute da una sfoglia di pasta tagliata a rombi e condite con sugo di pomodoro talvolta arricchito con fagioli; la minestra di patate è una polenta ottenuta mescolando farina e purea di patate con l’aggiunta di salsa di pomodoro e fagioloni; le polpette cacio e uova (casce e ove) sono un semplice impasto ottenuto con vari tipi di formaggio locale.

BORRELLO

Regione: Abruzzo
Provincia: Chieti CH
Altitudine: 804 m slm
Superficie: 14.51 km quadrati
Abitanti: 338
Nome abitanti: Borrellani
Patrono: Sant'Antonio di Padova (13 giugno)
-

COME ARRIVARE A BORRELLO

IN TRENO

Si può raggiungere Borrello in treno con la linea Pescara - Lanciano - Castel di Sangro della Ferrovia Sangritana fermandosi alla stazione di Lanciano e proseguendo con autobus di linea (Ibus) € 15 1 h 50 min.



IN AUTO

Siccome Borrello si trova sul confine tra Abruzzo e Molise, gli itinerari possibili sono due e si incontrano a Castel di Sangro: uno arriva da sud passando dall'A1 Roma Napoli - 246 km per 3 ore e 01', con un costo di € 34,68 (di cui € 26,88 per carburante ed € 7,80 per pedaggi); molto suggestivo, che uscendo a San Vittore del Lazio attraversa, tra l'altro, paesi del Molise come Agnone, famoso per la produzione delle campane, Cervaro, Venafro, i due capoluoghi di provincia molisani Isernia e Campobasso, Castel di Sangro, Roccaraso, Capracotta, Val di Sangro.



L'altro da nord passa per la A24 Roma L'Aquila A25 Pescara - 259 km per 3 ore e 13', con un costo di € 42,07 (di cui € 29,77 per carburante ed € 12,30 per pedaggi) - non meno suggestivo. Quest'ultimo, quello che ho preferito, mi porta a Sulmona e attraverso la SS17  sale curva dopo curva per una comoda strada, fino al Piano delle Cinque Miglia, lungo altopiano, sul quale la strada statale è stesa come fettuccia di asfalto senza fine, con a destra e sinistra piccoli pini, e oltre, campagna dal color giallo e pecore qui e là.


Arrivato a Castel di Sangro, dove il mio percorso incrocia come detto, quello alternativo proveniente da sud, il paesaggio si fa veramente di montagna. Quindi prendo la SP 188 per un paio di chilometri fino alla SS 562 che percorro per 18 Km, quindi la SS 558 per 5,5 Km, e infine, continuo per la SP 155 che in poco meno di 5 Km, dopo un ultimo tratto in salita, mi porta a Borrello.

LINK

Comune

Piazza Marconi 13 
Tel. 0872 945124 


Comunità Montana Medio Sangro

Riserva naturale guidata Cascate del Verde www.cascatedelverde.it/cascatedelverde/it/home.html

Cell. 340 11 72 367  
-

Se il reportage ti è piaciuto, perché non mi offri anche solo 1 € per sostenere il mio impegno non profit a favore dell’Italia minore con la M maiuscola


Contattatemi per maggiori informazioni

Cell: +39 320.2590773 - +39 348.2249595 (anche Whatsapp)

Commenti